giovedì 23 maggio 2019

Istantanee: Laos

Da quando mi sono smart-fonizzato e netbook-izzato è diventato molto facile interagire con i social network anche durante i viaggi, e ho preso così l'abitudine di scrivere, ogni sera o quasi, su FB le mie riflessioni a caldo sulla giornata di viaggio appena trascorsa. In realtà all'inizio era più che altro un modo per informare mia madre della situazione in cui mi trovavo, ma poi mi sono accorto che in molti leggevano con piacere quello che scrivevo. Sotto l'etichetta Istantanee ho pensato dunque di raccogliere quei post, viaggio per viaggio, nazione per nazione, e di pubblicare l'insieme sul blog; ne viene così fuori uno scritto forse meno utile a livello di informazioni, ma molto più spontaneo e ruspante degli articoli ragionati su cui ho sempre basato i contenuti del blog stesso.

LAOS (21/12/2018 – 6/1/2019) 
Non si arriva direttamente in Laos, bisogna quantomeno fare scalo a Bangkok e quindi non fermarsi un po' nella città degli angeli sarebbe un delitto.

giovedì 16 maggio 2019

Nong Khiaw

Per uno sguardo più ampio sulla realtà del Laos vale la pena, oltre a visitare le sue destinazioni più rappresentative e frequentate, considerare un soggiorno in una località dove la vita rurale svolge ancora un ruolo predominante, magari sulle rive di uno dei fiumi che da sempre ricoprono una particolare importanza nelle comunicazioni del paese e nel sostentamento dei suoi abitanti.
nong khiaw laos viaggio in solitaria fai da te
nong khiaw
nong khiaw laos viaggio in solitaria fai da te
il nam ou lungo la strada
La cittadina di Nong Khiaw, situata tra le montagne del nord sulle sponde del Nam Ou, il maggiore affluente del Mekong della nazione, da questo punto di vista può rivelarsi perfetta perché anche se l'aspetto e l'atmosfera sono ancora parecchio autentici, si sta ritagliando uno spazio apprezzabile nell'industria turistica laotiana dotandosi perciò di strutture più che soddisfacenti ma rivestendo un ruolo più di nicchia. Qui infatti il turismo di massa è ancora lontano dall'arrivare e il silenzio e la tranquillità sono assoluti e permettono anche un'interazione con la popolazione locale del tutto differente da quella delle città più celebrate.

giovedì 9 maggio 2019

Luang Prabang

L'antica capitale del primo stato laotiano e residenza del re dell'ultimo Regno del Laos, prima che i comunisti lo tramutassero in una repubblica, è oggi una città dalle dimensioni abbastanza limitate ma che riveste il ruolo più importante in assoluto nell'industria turistica della nazione indocinese.
luang prabang viaggio in solitaria fai da te
nam khan
luang prabang viaggio in solitaria fai da te
wat pak khan
Luang Prabang è splendidamente adagiata tra le montagne alla confluenza del possente Mekong con il Nam Khan, uno dei suoi maggiori affluenti nella regione. Il suo imponente patrimonio storico e culturale, fatto di ville tradizionali o in stile coloniale e decine di meravigliosi templi, ne hanno favorito il ruolo di "capitale spirituale" del paese e indotto l'UNESCO a inserirla nella propria lista fin dal 1995. Tutta questa notorietà però ne ha un po' snaturato l'immagine, giacché praticamente nessuno degli stupendi edifici che formano il centro storico ha mantenuto il suo ruolo originario di abitazione venendo trasformato invece in una gusthouse, un boutique hotel o un esercizio commerciale legato al turismo, fatto che tuttavia spiega anche le perfette condizioni in cui questi versano.

giovedì 2 maggio 2019

Vang Vieng

Una delle destinazioni più popolari del Laos, soprattutto tra i giovani e i backpackers, è la cittadina di Vang Vieng, splendidamente adagiata sulla riva orientale del fiume Nam Song all'incrocio di due vallate circondate da verdi montagne lungo la strada che da Vientiane porta verso Luang Prabang.
vang vieng viaggio in solitaria fai da te
vang vieng
vang vieng viaggio in solitaria fai da te
lungo la N7
Se dalla capitale però il viaggio non dura molto, dirigersi a nord comporta lunghi e faticosi trasferimenti attraverso salite impervie e discese vorticose: per percorrere i poco più di 200 km che la separano da Phonsavan, per esempio, ci sono volute buone 8 ore e uno stomaco resistente (molti laotiani sul minibus, probabilmente meno abituati a viaggiare in macchina, hanno vomitato diverse volte), tuttavia i panorami attraversati sono davvero emozionanti e variano dagli altopiani della parte iniziale fino al villaggio di Phou Khoum, dove la N7 confluisce nella N13, ai saliscendi tra aguzze montagne calcaree e profonde vallette fluviali.

giovedì 25 aprile 2019

Phonsavan e la Piana delle Giare

Una delle attrazioni più affascinanti e insolite del Laos è la cosiddetta "Piana delle Giare", situata vicino alla cittadina di Phonsavan, nella zona nord-orientale del paese lungo le strade che portano verso il Vietnam.
phonsavan piana giare viaggio in solitaria
sito 1
phonsavan piana giare viaggio in solitaria
cratere di bomba al sito 1
Tra i campi circondati da verdi montagne vi sono infatti, in almeno tre siti differenti (in realtà i siti catalogati sono almeno una novantina, ma pochissimi di questi sono accessibili a causa degli ordigni inesplosi rimanenti dai bombardamenti della guerra del Vietnam), delle spianate con decine e decine di giare di pietra conficcate nel terreno risalenti (si pensa) a oltre 2000 anni fa e la cui funzione è sconosciuta, al pari della civiltà che le ha costruite. Raggiungere questa destinazione non è però molto agevole, giacché le strade in tutte le regioni settentrionali del Laos, dalla morfologia montagnosa e irregolare, sono strette e tortuosissime e per coprire una distanza di poche centinaia di chilometri sono comodamente necessarie 10 ore o anche di più.

mercoledì 17 aprile 2019

Vientiane

La capitale del Laos non è di certo la punta di diamante dell'industria turistica dell'affascinante paese del sud-est asiatico, tuttavia ne è senz'altro lo specchio più rappresentativo e la destinazione più facilmente accessibile.
vientiane viaggio in solitaria fai da te
wat chantabuli
vientiane viaggio in solitaria fai da te
wat inpeng
La rilassata atmosfera di Vientiane, così diversa dal caos delle altre capitali o città principali degli stati vicini, unita a un discreto numero di attrazioni, non mancherà tuttavia di soddisfare qualsiasi viaggiatore e rendere un soggiorno qui senz'altro piacevole. La città si trova sulla sponda settentrionale del Mekong, che in questa zona funge da confine con la Thailandia, poco più di un'ora di volo a nord di Bangkok, dove nella stragrande maggioranza dei casi sarà necessario fare scalo: l'aeroporto si trova circa 5 km a ovest del centro cittadino ed è servito da diverse compagnie low cost, tuttavia a parte una navetta con orari di difficile comprensione, di mezzi pubblici per raggiungerlo non ce ne sono e per il tragitto conviene dunque affidarsi ai taxi.

giovedì 11 aprile 2019

Thonburi

Bangkok è una delle destinazioni più gettonate del mondo per l'indubbio fascino che esercitano le sue innumerevoli attrazioni, ma anche perché rappresenta un hub quasi obbligato non solo per chi sia intenzionato a visitare la Thailandia, ma anche per chi è diretto nelle nazioni vicine e quindi, dovendo magari raggiungere il Myanmar, la Cambogia o il Laos (ma le tante compagnie low cost la rendono un ottimo punto di partenza un po' per tutto il sud-est asiatico), qualche giorno di stop nella città degli angeli ci sta sempre bene, anche perché ci si trova sempre a scoprire qualcosa di nuovo pure durante l'ennesimo soggiorno.
thonburi tre itinerari cosa vedere
il chao phraya dal battello
thonburi tre itinerari cosa vedere
taling chan
La quasi totalità dei milioni di turisti che affollano la capitale thailandese rimane generalmente sulla sponda orientale del Chao Phraya, il grande fiume che taglia la megalopoli, dove vi sono i siti più famosi e i centri della vita diurna e notturna, arrischiandosi ad attraversare il possente nastro d'acqua solo per visitare il meraviglioso Wat Arun e i suoi immediati dintorni oppure per un veloce giro in battello tra i canali (tour venduti quasi sempre a prezzi "europei"). Il distretto occidentale, che porta il nome di Thonburi, ha invece un fascino enorme che viene dall'atmosfera e dall'aspetto più tranquilli e autenticamente thailandesi rispetto alla parte orientale a fronte di un comunque cospicuo numero di notevoli punti di interesse. 

giovedì 4 aprile 2019

Lubecca

La deliziosa Lubecca è stata nel tardo medioevo una delle città più ricche e importanti d'Europa grazie al suo ruolo dominante all'interno della Lega Anseatica e rappresentando perciò un autentico fulcro del commercio dell'epoca.
lubecca viaggio in solitaria fai da te
holstentor
lubecca viaggio in solitaria fai da te
salzspeicher
La sua vicinanza con Amburgo, dalla quale la dividono circa 70 km e meno di un'ora di treno (vi sono diverse corse al giorno, anche se in effetti sono piuttosto costose in rapporto ai chilometri e al tempo di viaggio), la rende poi un'imperdibile gita giornaliera che integra alla perfezione la visita della seconda metropoli tedesca. Nonostante i gravi danni subiti durante la II guerra mondiale a causa degli intensi bombardamenti, l'aspetto medievale del centro storico è stato preservato anche grazie ad un'oculata opera di restauro e quindi dal 1987 la città può fregiarsi del titolo di patrimonio dell'umanità dell' UNESCO.

giovedì 28 marzo 2019

Amburgo

Sono in molti a definire la seconda città della Germania come una delle più interessanti e belle in assoluto dell'intera nazione e questo, considerando che di Amburgo non era rimasto in piedi molto dopo i violenti bombardamenti della seconda guerra mondiale, fa senz'altro riflettere su come abbia operato la ricostruzione, pianificata per continuare a sfruttare al massimo le potenzialità commerciali e industriali dell'area dove sorge questa metropoli senza mortificarne l'aspetto di ricca ed elegante città storica e riqualificandone le zone industriali per renderle addirittura un punto di forza dell'offerta turistica.
amburgo viaggio in solitaria
specherstadt
amburgo viaggio in solitaria
zollkanal
Amburgo sorge infatti su un'ampia ansa del fiume Elba non troppo lontana dalla foce e in corrispondenza del punto dove i tributari Alster e Bille vi si immettono: una posizione ottimale per un grande porto, che ha infatti segnato nei secoli la fortuna di una delle città di riferimento della Lega Anseatica e che ancora oggi è il secondo in Europa per grandezza e importanza. Sono quindi parecchi e diversificati i motivi che fanno di Amburgo una destinazione di primario interesse nel panorama turistico tedesco.

sabato 16 marzo 2019

Istantanee: Indonesia, Malaysia e Singapore (seconda parte)

Premesso il mio forte odio per il new age del cazzo, il finto alternativo e la moda della "saggezza buddista"; premesso che Elizabeth Gilbert e Julia Roberts nelle capocce della gggente hanno fatto più danni di un proiettile di piccolo calibro che invece di creare un foro d'uscita continua a rimbalzare dentro il cranio; premesso che qui c'è un inflazionamento di persone che non FA foto bensì SI FA le foto; devo dire che il mio amore per l'Asia non risulta tradito e Ubud e i suoi dintorni mi sono piaciuti abbastanza. 
indonesia malaysia singapore diario viaggio
scimmie a ubud
Pieno di gente si (tra l'altro gli italiani si dimostrano sempre mainstream: a Sumatra non ce n'era nessuno, qualche timida comparsa a Yogyakarta e sul Bromo, un esercito qui...solo luoghi ultra-famosi per noi!), però di posti definibili belli ce ne sono e tutto sommato anche un po' di autenticità sta sopravvivendo. Poi quando sto in giro in scooter in completa autonomia e posso andare a infilarmi per stradine l'umore mi migliora molto, nonostante il tempo un po' demmerda.

martedì 5 marzo 2019

Istantanee: Indonesia, Malaysia e Singapore (prima parte)

Da quando mi sono smart-fonizzato e netbook-izzato è diventato molto facile interagire con i social network anche durante i viaggi, e ho preso così l'abitudine di scrivere, ogni sera o quasi, su FB le mie riflessioni a caldo sulla giornata di viaggio appena trascorsa. In realtà all'inizio era più che altro un modo per informare mia madre della situazione in cui mi trovavo, ma poi mi sono accorto che in molti leggevano con piacere quello che scrivevo. Sotto l'etichetta Istantanee ho pensato dunque di raccogliere quei post, viaggio per viaggio, nazione per nazione, e di pubblicare l'insieme sul blog; ne viene così fuori uno scritto forse meno utile a livello di informazioni, ma molto più spontaneo e ruspante degli articoli ragionati su cui ho sempre basato i contenuti del blog stesso.

INDONESIA-MALESIA-SINGAPORE (17/7/2018 – 30/8/2018)

lunedì 25 febbraio 2019

Singapore (seconda parte)

Uno dei distretti più frequentati sia dai turisti che dai locali è quello di Orchard Road, che prende il nome da quella che può essere considerata la principale via commerciale di Singapore.
singapore viaggio in solitaria fai da te
marina bay sands
singapore viaggio in solitaria fai da te
orchard road
Lungo i circa 2,5 km di questa striscia di asfalto, che parte nei pressi del National Museum in direzione ovest diretta verso i Giardini Botanici, si affaccia una sfilata quasi continua di enormi centri commerciali con negozi di ogni tipo le cui vetrine, unite all'aria condizionata e ai larghi marciapiedi esterni punteggiati da file di alberi, rendono questo viale uno dei punti migliori della città per passeggiare godendosi l'aria pomeridiana e ammirare le tante architetture futuristiche, mentre i tanti cinema e spa offrono differenti motivi di svago. Shopping a parte, l'area offre qualche motivo di interesse anche dal punto di vista storico e culturale.