giovedì 22 ottobre 2020

Coimbra

Coimbra è una delle destinazioni più belle e interessanti del Portogallo, come testimonia anche il titolo di patrimonio dell'umanità UNESCO conferito alla parte alta del suo centro storico e alla storica Università nel 2013.

coimbra cosa fare e cosa vedere
coimbra
coimbra cosa fare e cosa vedere
città alta
La città è infatti il polo universitario più importante del paese e può vantare una rilevanza storica di primo livello che risale a tempi anche antecedenti a quelli in cui l'aspetto "accademico" ha preso il sopravvento, avendo infatti ricoperto il ruolo di capitale nel XII e XIII secolo, prima che questo venisse definitivamente assegnato a Lisbona nel 1255. La sua posizione strategica sulle rive del fiume Mondego e a metà strada, più o meno, tra le due metropoli portoghesi, ne ha sempre favorito anche lo sviluppo commerciale rendendola definitivamente una delle località lusitane con più motivi di interesse in assoluto.

coimbra cosa fare e cosa vedere
città alta
coimbra cosa fare e cosa vedere
città alta
Per tutto ciò, Coimbra è anche ben collegata con parecchie altre città sia con il treno che con gli autobus. La stazione ferroviaria si trova vicino al fiume e molto vicina al centro, ma per andare a Porto è molto più comodo prendere il bus diretto dall'autostazione nella periferia settentrionale, poiché i treni locali fermano ad Aveiro, dove bisogna cambiare convoglio attendendo la coincidenza e raddoppiando così il tempo di viaggio (ma si può però approfittare di ciò per visitare la graziosa cittadina coi canali durante il trasferimento tra le due città).

giovedì 15 ottobre 2020

Aveiro

La cittadina di Aveiro è una delle località più visitate del nord del Portogallo e una destinazione molto popolare per un'escursione giornaliera partendo da Porto.

Aveiro cosa vedere
il canale principale
Aveiro cosa vedere
forum aveiro

Si trova infatti solo 70 km circa a sud della seconda città del paese, giusto a metà strada tra questa e Coimbra, sulla riva interna di una vasta laguna salata che in parte costituisce una riserva naturale, mentre le sponde dell'oceano,  solcate da ampie e affascinanti spiagge, si trovano 7 km più a ovest. Il mezzo migliore per raggiungerla è sicuramente il treno, giacché sia dalla stazione São Bento di Porto che da quella centrale di Coimbra, ci sono degli economici treni locali che effettuano moltissime corse ogni giorno e, in entrambi i casi, impiegano poco più di un'ora.

giovedì 8 ottobre 2020

Foz do Douro e Matosinhos

I quartieri storici e centrali di Porto sono davvero ricchi di motivi di interesse, ma una buona idea durante un soggiorno nella seconda città del Portogallo è quella di sfruttare la rete di trasporti pubblici per delle escursioni nella vasta area metropolitana, dove non mancano i punti meritevoli di attenzione.
foz do douro portogallo
il faro di foz
foz do douro portogallo
il douro
La più gettonata tra queste gite, soprattutto in estate, è sicuramente quella lungo la parte finale del tragitto del fiume Douro arrivando fino alla foce (circa 6 km), nella graziosa località di Foz do Douro, dove poi proseguire lungo la costa alla scoperta delle tante belle spiagge che la contraddistinguono. Il mezzo più comodo, veloce ed economico per effettuare i trasferimenti è il bus numero 500, che parte dalla zona di Praca da Liberdade e percorre il lungofiume settentrionale e il litorale fino al capolinea della linea A della metro, quella azzurra, nella cittadina di Matosinhos. Un mezzo alternativo, più "romantico" ma decisamente più lento, per arrivare solo fino a Foz è il tram 1, che parte nei pressi di Praca do Infante (il costo è lo stesso per entrambi i mezzi).

giovedì 1 ottobre 2020

Porto

La seconda area urbana del Portogallo, una sorta di "capitale del nord" come spesso viene definita, è una città dalla commovente bellezza e dal fascino enorme dato dalle sue strade in perenne saliscendi contornate da chiese barocche ed eleganti abitazioni dalle facciate abbellite dagli azulejos.
porto cosa fare e vedere
santo ildefonso
porto cosa fare e vedere
rua de santa catarina
Porto però può anche contare su un'atmosfera pervasa di serenità, su una gioiosa ma rilassata anima commerciale trainata dal suo formidabile vino liquoroso e su una grande varietà di siti che soddisfano la voglia di storico e di culturale propria di tanti viaggiatori. Il suo aeroporto inoltre, anche questo il secondo per grandezza e importanza del paese, è servito da varie compagnie low cost che lo collegano a tutte le principali città europee, mentre una linea di metropolitana permette di raggiungerne il centro storico in maniera semplice ed economica. Anche se l'agglomerato urbano si espande su una superficie parecchio estesa e arriva a superare il milione e mezzo di abitanti, la città vera e propria è in realtà abbastanza piccola e si gira bene anche a piedi, anche se le continue salite e discese, spesso con pendenze anche importanti, di certo rappresentano un bell'allenamento per le gambe.

giovedì 24 settembre 2020

Artena

Poco meno di 50 km a sud-est di Roma sorge uno dei borghi più caratteristici e al contempo particolari di tutta Italia. 
artena
artena
artena
nel borgo
L'abitato storico del comune di Artena si arrampica infatti sul ripido pendio del massiccio dei Monti Lepini per un dislivello di ben 150 metri dalla base alla sommità ed è percorso da un reticolo di stradine strette e dalla pendenza importante (tanto che per parecchi tratti si trovano sotto forma di scalinate) che rende di fatto impossibile l'accesso ai veicoli a motore per la quasi totalità dell'area urbana e andando a costituire quella che viene riconosciuta come la zona pedonale più estesa d'Europa.

giovedì 17 settembre 2020

La Dune du Pilat e Arcachon

Tra le varie escursioni giornaliere da effettuare nella regione francese della Nuova Aquitania partendo da Bordeaux, la più famosa e gettonata è senz'altro quella che conduce al cospetto della Dune du Pilat
dune du pilat fai da te
sulla duna
arcachon cosa vedere
verso la ville d'hiver
Questa mastodontica montagna di sabbia supera i 100 metri di altezza, risultando quindi la più grande formazione di questo tipo di tutta Europa, fatto che unito alla sua spettacolare posizione all'imbocco del canale che collega il bacino di Arcachon al mare, circondata dalle verdi foreste del parco delle Landes de Gascogne, la rende una meta molto frequentata dai turisti ma al contempo dal grande e innegabile fascino. La duna si trova nel territorio comunale di La Teste de Buch, ma il suo collegamento più comodo e scontato con il capoluogo della regione coinvolge invece la graziosa cittadina di Arcachon, celebrata meta balneare.

giovedì 10 settembre 2020

Bordeaux

Il nome di Bordeaux è immancabilmente associato al suo vino, uno dei marchi più famosi e celebrati del mondo, ma la bella città capoluogo della regione della Nuova Aquitania può vantare anche una storia che parte dall'età romana e un insieme architettonico e culturale insignito dall'UNESCO del titolo di patrimonio dell'umanità.
bordeaux cosa fare e vedere
place de la bourse e miroir d'eau
bordeaux cosa fare e vedere
place des quinconces
Oltre a ciò, la sua posizione lungo le rive della Garonna, poco prima che a questa si unisca la romantica Dordogna a formare l'immenso estuario della Gironda, quindi a poca distanza dal mare e a una latitudine inferiore a quella di Venezia, favorisce un clima particolarmente mite che la rende una piacevole destinazione turistica in tutti i periodi dell'anno. L'aeroporto di Mérignac si trova solo una dozzina di chilometri a ovest della città, con diversi voli low-cost diretti in varie località italiane e dal quale un bus di linea permette di raggiungere il centro abbastanza agevolmente, mentre con tre comode linee di tram ci si può spostare per tutta l'area metropolitana.

mercoledì 15 luglio 2020

Sette chiese di Roma poco conosciute ma bellissime

Il patrimonio storico e culturale di Roma è praticamente inesauribile; in particolare le centinaia di splendide chiese sparse ovunque per la città vanno a formare un vero e proprio enorme "museo a ingresso gratuito" grazie alle tante e incredibili opere d'arte in esse contenute, ma anche a numerose chicche e curiosità.
Durante gli anni in cui insegnavo in centro, talvolta sia di mattina che nei corsi serali, avevo preso l'abitudine di passare le ore di pausa in giro in scooter alla scoperta di quante più possibile tra queste, rimanendo letteralmente a bocca aperta davanti agli immortali e famosi capolavori dei grandi artisti che le hanno abbellite (Caravaggio, Michelangelo, Raffaello, Giotto, Bernini, solo per citare i più autorevoli) ma andando a scovare anche dei piccoli gioielli, molto meno conosciuti rispetto alle chiese più celebrate e prese di mira dai turisti, ma non per questo meno belle o interessanti.
Scimmiottando un po' il popolare pellegrinaggio delle sette chiese (che, per chi non lo sapesse sono le 4 basiliche giubilari più le chiese di Santa Croce in Gerusalemme, San Lorenzo al Verano e San Sebastiano Fuori le Mura) ho deciso quindi di parlare di 7 chiese di Roma poco conosciute ma ugualmente bellissime, sperando di fornire uno spunto utile per il vostro prossimo viaggio nella capitale.

martedì 7 luglio 2020

Il Lago di Nemi

Il Lago di Nemi è il più piccolo, coprendo una superficie di meno di 2 chilometri quadrati,  dei due specchi d'acqua dell'area dei Castelli Romani ed è situato nella parte meridionale del massiccio vulcanico dei Colli Albani, circa 25 km a sud di Roma.
lago di nemi
il lago dal vecchio pontile
lago di nemi
da sotto a genzano
La sua origine vulcanica è evidente, poiché il lago stesso si trova sul fondo di un cratere secondario nella cinta esterna del Vulcano Laziale ormai quiescente. Storicamente però, quest'area ha rappresentato un luogo privilegiato di villeggiatura e di divertimento fin dai tempi dell'antica Roma, nonché un sito sacro per la presenza di un bosco e un santuario dedicati alla dea Diana (Nemus Dianae), dalla quale derivano il nome del borgo di Nemi, che domina la scena dall'alto di uno sperone roccioso, nonché il romantico appellativo con cui spesso viene chiamato il bacino stesso (Specchio di Diana): testimonianze di tutto ciò sono giunte fino ai giorni nostri e si trovano in quantità lungo le sponde.

lunedì 29 giugno 2020

Genzano di Roma

Genzano è uno dei comuni della zona meridionale dei Castelli Romani, situato lungo la via Appia a circa 25 km dal centro di Roma.
genzano di roma
genzano dal lago
genzano di roma
genzano
Raggiungerla in auto è semplicissimo, giacché basta imboccare l'Appia dal Grande Raccordo Anulare e andare sempre dritti fino a ritrovarcisi dentro, mentre coi mezzi pubblici è un po' più laborioso in quanto la cittadina non si trova lungo una linea ferroviaria: la stazioncina di S. Gennaro, l'unica nel territorio municipale, si trova a diversi chilometri dal centro ed è collegata da una navetta; più vicine sono quelle di Cecchina e Albano, dalle quali bisogna comunque cambiare mezzo, quindi la soluzione migliore è il bus extraurbano che parte dalla stazione Anagnina della capitale in direzione Velletri.

giovedì 18 giugno 2020

Leon

Leon è una delle città più importanti della Spagna nord-occidentale e della comunità autonoma di Castilla y León, nonché uno dei maggiori centri abitati lungo il cammino di Santiago.
leon spagna cosa vedere
cattedrale di leon
leon spagna cosa vedere
cattedrale
Si tratta di una destinazione ricca di arte e di storia, con testimonianze di epoca romana, medievale e rinascimentale che ne evidenziano la notevole importanza sociale e politica rivestita nei secoli e ne fanno una frequentata e apprezzata meta turistica. La città si trova a circa 330 km da Madrid, dalla quale è raggiungibile sia con i treni veloci dalla stazione di Chamartin che con comodi autobus che partono dall'autostazione Moncloa della capitale impiegando circa 3 ore e mezza. Stazione e autostazione di arrivo si trovano invece una vicino all'altra sulla riva occidentale del piccolo fiume Bernesga, che le separa dal centro storico, distante pochi minuti a piedi.

giovedì 11 giugno 2020

Istantanee: Taiwan e Shanghai

Da quando mi sono smart-fonizzato e netbook-izzato è diventato molto facile interagire con i social network anche durante i viaggi, e ho preso così l'abitudine di scrivere, ogni sera o quasi, su FB le mie riflessioni a caldo sulla giornata di viaggio appena trascorsa. In realtà all'inizio era più che altro un modo per informare mia madre della situazione in cui mi trovavo, ma poi mi sono accorto che in molti leggevano con piacere quello che scrivevo. Sotto l'etichetta Istantanee ho pensato dunque di raccogliere quei post, viaggio per viaggio, nazione per nazione, e di pubblicare l'insieme sul blog; ne viene così fuori uno scritto forse meno utile a livello di informazioni, ma molto più spontaneo e ruspante degli articoli ragionati su cui ho sempre basato i contenuti del blog stesso.

TAIWAN (21/12/2019 – 5/1/2020)
Fa strano trovarsi in estremo oriente di questo periodo e non stare in maglietta e sandali, ma tant’è, stavolta niente sud-est asiatico…il dicembre di Shanghai è un po’ come quello ai Castelli: fresco ma non freddo e altrettanto umido e piovoso (ma sempre meglio di quella tremenda ghiacciaia che trovai a Pechino; persino Mosca durante lo scalo è sembrata tutt’altro che insopportabile, ma forse questo è un anno un po’ speciale).