lunedì 30 gennaio 2023

Konya: un giorno e una notte nella città dei dervisci rotanti

Dopo la capitale, Konya è la città più grande dell'altopiano anatolico, ma anche una destinazione di sicuro interesse durante un viaggio itinerante in Turchia.

konya cosa fare e vedere
moschea aziziye e bazar
konya cosa fare e vedere
zona del bazar
L'antica Iconio è infatti già citata negli atti apocrifi di San Paolo e successivamente ha rivestito una notevole importanza durante gli imperi dei selgiuchidi e degli ottomani. Al giorno d'oggi ha fama di essere una località parecchio tradizionalista, soprattutto per aver ospitato l'operato del santo sufi persiano Jalal al-Din Rumi (più famoso come Mevlana), che qui creò l'ordine dei Dervisci Rotanti ed è tumulato in un sontuoso mausoleo che ora è importante meta di pellegrinaggio. In realtà si è rivelata una città gradevole e accogliente che in più può fregiarsi di un patrimonio storico, architettonico e culturale di notevole importanza.

lunedì 23 gennaio 2023

Antalya: cosa fare e vedere nella metropoli della Costa Turchese

La città turca di Antalya è una delle località più visitate del mondo, con turisti di ogni parte del pianeta che accorrono in massa per godere delle spiagge della Costa Turchese e delle numerose attrazioni storiche e culturali sparse nel centro e nei dintorni.

antalya cosa fare e vedere
kaleici
antalya cosa fare e vedere
kaleici
Curiosamente però, tra i milioni di viaggiatori che ogni anno vi soggiornano, la percentuale di italiani è insolitamente bassa rispetto ad altre famose destinazioni turche. Se in molti vengono qui per fare vita balneare e per la vivace movida serale, attirati dal mare pulitissimo di un meraviglioso colore azzurro intenso e dalla profusione di locali di ogni tipo, vale però la pena di ricordare che Antalya può vantare anche una storia di tutto rispetto, che inizia nel II secolo avanti Cristo per mano del re di Pergamo Attalo III e l'ha vista passare per le dominazioni romana, bizantina e ottomana mantenendo sempre una notevole importanza strategica e della quale molte testimonianze sono arrivate in buono stato fino ai giorni nostri.

venerdì 13 gennaio 2023

Lahic e Quba: alla scoperta dell'autentico Azerbaijan

Sarebbe davvero un peccato affrontare un viaggio in Azerbaijan senza prevedere la visita a uno dei suoi villaggi di montagna inerpicati sui contrafforti del Grande Caucaso, oppure senza respirare l'atmosfera autentica di una delle sue cittadine storiche (in qualche caso le due cose si possono poi anche abbinare).

lahic azerbaijan cosa fare e vedere
la via principale di lahic
lahic azerbaijan cosa fare e vedere
la strada per lahic
La più famosa tra le località in quota del paese è il villaggio di Khinalug, situato a oltre 2100 metri, oppure, sullo stesso versante e non troppo lontano, quello di Laza, che invece si trova a quasi 1800 metri e nei pressi ha anche una stazione sciistica. Tuttavia sono entrambi piuttosto complicati da raggiungere in autonomia, per cui si rende necessario partecipare a un'escursione organizzata (qui potete trovarne una) o affittare privatamente un mezzo di trasporto adatto a sfidare le impegnative salite su strade non sempre in buone condizioni: base di partenza ideale per l'ascesa ad entrambe è in ogni caso la cittadina di Quba, che presenta diversi propri motivi di interesse e vale la pena di essere visitata anche se non si ha intenzione di salire sulle montagne. Altrettanto celebrato, molto interessante e sicuramente più comodo da raggiungere è invece il villaggio di Lahic, che giace al lato di una valle fluviale a circa 1200 metri di quota.

lunedì 19 dicembre 2022

Şəki: viaggio in solitaria fai da te nel gioiello UNESCO dell'Azerbaijan

Sheki (o anche Shaki, chiamata Nukha per un paio di secoli fino al 1963) viene considerata la città più pittoresca dell'Azerbaijan e una delle tappe da non perdere durante un viaggio itinerante nel paese caucasico.

sheki azerbaijan cosa fare e vedere
palazzo d'estate dei khan
sheki azerbaijan cosa fare e vedere
la città vecchia di sheki
A fare di essa una significativa destinazione turistica contribuiscono la sua splendida posizione adagiata sui fianchi boscosi delle prime alture del Grande Caucaso e il suo notevole patrimonio architettonico islamico, legato al ruolo preponderante che Sheki ha avuto come centro economico sulla Via della Seta nel periodo compreso tra il XVI e il XIX secolo. La località ha tuttavia una storia molto più lunga, iniziata più o meno nell'VIII secolo avanti Cristo, nella quale ha più volte ricoperto il ruolo di fulcro politico di antichi stati caucasici, armeni o persiani e kahnati vari, con la sua importanza variabile anche dopo le conquiste da parte degli arabi nel VII secolo e successivamente dei russi.

mercoledì 7 dicembre 2022

Baku: cosa fare e vedere in 4 giorni nella capitale dell'Azerbaijan

La capitale dell'Azerbaijan è la città più grande, importante e cosmopolita del Caucaso, nonché il suo maggior porto e negli ultimi anni sta cercando di ritagliarsi un ruolo più rilevante anche come destinazione turistica.

baku cosa fare e vedere
flame towers
baku cosa fare e vedere
centro heydar aliyev
Per la verità, Baku è sempre stata una meta privilegiata per i benestanti russi e mediorientali che venivano qui a godersi il dolce clima delle sponde del Mar Caspio ma, complici le vagonate di soldi derivanti dai massicci giacimenti di petrolio e gas che si trovano intorno alla città, da alcuni anni ha decisamente alzato l'asticella e, con l'avvento anche del gran premio di Formula 1, ormai non è più inconsueto trovare a spasso per il centro diversi turisti asiatici ed europei mentre dalle abituali basi di provenienza arrivano ora anche le classi meno danarose.

baku cosa fare e vedere
torre della vergine
baku cosa fare e vedere
città vecchia
Baku può contare su una storia piuttosto lunga, che la vedeva come centro di una certa importanza già nel XII secolo e che l'ha vista passare più volte di mano tra i russi e le popolazioni arabe e ottomane, lasciandole al giorno d'oggi diverse testimonianze di rilievo e un'atmosfera piuttosto esotica; tuttavia sono più le grandi, moderne e futuristiche architetture e l'aspetto da vivace centro economico, che ricorda molto più Dubai che non le città storiche della vicina Turchia, a fungere da richiamo e da sorpresa per chi vuole imbarcarsi nella scoperta del paese caucasico.

mercoledì 30 novembre 2022

Istantanee Paesi Baschi e la Rioja, Macedonia e Kosovo: il diario dei miei viaggi brevi nell'estate del 2022

paesi baschi la rioja diario di viaggio
cicogne a la rioja
Nell'estate del 2022 ho finalmente potuto tornare a fare viaggi più lunghi e in destinazioni fuori dall'Europa, ma complice un insolito periodo di inattività anche nella prima metà di luglio (ovvero niente esami di maturità per me) ho potuto organizzare dei viaggi più brevi alla scoperta di due zone che avevo da tempo nel mirino. Questo, come di consueto, è il diario di quei due viaggi composto da ciò che scrivevo "a caldo" su facebook durante i viaggi stessi.

mercoledì 23 novembre 2022

Prizren: cosa fare e cosa vedere nella principale città storica del Kosovo

Anche se il ruolo di capitale del Kosovo è ricoperto da Pristina, che è anche il centro urbano più grande del paese, Prizren viene un po' considerata da tutti come la capitale culturale e storica del paese balcanico.

prizren kosovo cosa fare e vedere
dal ponte di pietra
prizren kosovo cosa fare e vedere
shadervan
La città ha in effetti ricoperto più volte il ruolo di polo amministrativo della regione sia durante i secoli di dominazione ottomana che durante i vari regni bulgari e serbi (nel XIV secolo fu addirittura capitale di tutto il regno) precedenti e successivi a questa. Di tutti questi periodi di splendore, Prizren conserva ancora un notevole patrimonio architettonico in buono stato e una non trascurabile area dal tessuto urbano caratteristico dell'impero ottomano con abbondanza di abitazioni tradizionali che, uniti alle aspre montagne che circondano l'abitato e che compongono un parco nazionale, ne fanno la principale destinazione turistica  del Kosovo.

mercoledì 16 novembre 2022

Pristina: visita alla capitale più giovane d'Europa

Pur se non ufficialmente riconosciuto come stato indipendente dalla maggioranza dei membri dell'ONU, il Kosovo lo è de facto (ed è inoltre riconosciuto come tale dalla grande maggioranza degli stati europei), per cui Pristina può a pieno diritto fregiarsi del titolo di capitale più giovane del continente.

pristina kosovo cosa fare e vedere
piazza skanderbeg
pristina kosovo cosa fare e vedere
piazza skanderbeg
La città ha in effetti una storia molto lunga, essendo la località abitata già dalla preistoria per poi svilupparsi con l'occupazione di popolazioni illiriche e passare sotto l'impero romano, dove prosperò col nome di Ulpiana. Successivamente furono bizantini, serbi, bulgari, ottomani, albanesi e slavi vari a plasmarne l'aspetto, che però al giorno d'oggi si presenta come una disordinata accozzaglia di palazzoni di cemento e costruzioni più modeste. Non è difficile però imbattersi in qualche testimonianza dei movimentati tempi antichi e ciò, unito ai monumenti e alle architetture comuniste e post-comuniste che parlano della turbolenta e tragica storia recente della città, fa di Pristina una destinazione di sicuro interesse. Aggiungendo anche una grande vitalità, una forte attenzione alla cultura, la tradizionale calda accoglienza degli albanesi (cosa che i kosovari effettivamente sono) e la possibilità di pagare in euro (il Kosovo non fa parte dell'unione monetaria, ma adotta unilateralmente l'euro già dal 2002), non deve stupire che Pristina si stia ritagliando un ruolo non trascurabile come destinazione turistica, soprattutto tra i giovani europei.

martedì 8 novembre 2022

Bitola: visita alla bella città storica della Macedonia del Nord

Bitola è una delle città più importanti della Macedonia del Nord, nonché una delle più antiche, giacché la sua fondazione riale al IV secolo avanti Cristo per volere di re Filippo II, il padre di Alessandro Magno.

bitola macedonia cosa fare e vedere
piazza magnolia
bitola macedonia cosa fare e vedere
eraclea lincestide
A conferirle un ruolo rilevante,  non solo in epoca antica ma anche durante i secoli di dominazione ottomana, quando era conosciuta col nome di Manastir, è la sua posizione altamente strategica lungo uno degli itinerari principali che dai Balcani portano in Grecia, il cui confine odierno si trova solo una dozzina di chilometri più a sud. Anche durante il XIX e XX secolo, la città fungeva da centro economico e culturale di riferimento per la parte meridionale del paese per cui, nonostante i danni subiti nella I e nella II guerra mondiale, ora può orgogliosamente esibire un patrimonio storico e architettonico molto eterogeneo e dal valore sorprendente, soprattutto considerando l'esiguo numero di turisti che si prendono la briga di venire a visitarla.

giovedì 27 ottobre 2022

Ocrida e il suo lago: 3 giorni nella località turistica di punta della Macedonia del Nord

La città di Ocrida è la località turistica di maggior richiamo della Macedonia del Nord, potendo contare sia su un notevolissimo patrimonio storico e culturale che sull'aspetto puramente balneare.

ocrida cosa fare e vedere
santa sofia
ocrida cosa fare e vedere
via san clemente da ocrida
Il paese balcanico manca infatti di sbocchi sul mare e il grande e bellissimo Lago di Ocrida ne ricopre pienamente il ruolo richiamando frotte di villeggianti da ogni parte della nazione e da quelle vicine. Le sue particolarissime condizioni di specchio d'acqua più antico d'Europa, tra i più grandi dei Balcani (paragonabile per superficie al Garda) e tra i più profondi del continente, ne fanno poi un ambiente naturalistico unico (è il lago con più specie endemiche del mondo) che, insieme allo straordinario lato paesaggistico, hanno portato già nel 1979 al titolo di patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. In tutto ciò, un ruolo importante lo ricopre anche l'area urbana che porta lo stesso nome, un insediamento antichissimo che in epoca medievale fu un centro artistico, religioso e culturale di primaria importanza per tutta l'Europa dell'est e ora esibisce con orgoglio le tante splendide testimonianze di questo ruolo.

giovedì 20 ottobre 2022

Skopje: cosa fare e cosa vedere nella capitale della Macedonia del Nord

Skopje è la capitale e la città di gran lunga più grande e importante della Macedonia del Nord, un vero faro politico, economico e culturale dello stato formatosi dallo scioglimento dell'ex-Jugoslavia.

skopje cosa fare e cosa vedere
piazza macedonia e il fiume
skopje cosa fare e cosa vedere
piazza macedonia
Essa può contare su una storia lunga millenni, grazie alla sua posizione favorevole sulle sponde del fiume Vardar e lungo una delle rotte principali che legano l'Europa centrale e i Balcani con la Grecia e il Mediterraneo orientale. Romani, bizantini, serbi, bulgari e ottomani si sono succeduti a più riprese nella dominazione della città, fino alla prima guerra mondiale e alla creazione del regno di Jugoslavia, favorendo un'atmosfera particolarmente cosmopolita. Nonostante le tante testimonianze di  questo suo importante passato non manchino, l'odierno e piacevolmente monumentale aspetto generale è però principalmente dovuto alla ricostruzione dopo il disastroso terremoto del 1963, avvenuta con metodo e intelligente pianificazione per mano di grandi architetti internazionali, che le ha donato un sorprendente numero di cose da fare e da vedere.

venerdì 7 ottobre 2022

Vitoria-Gasteiz: cosa fare e vedere nel capoluogo dei Paesi Baschi

Non proprio tutti sono a conoscenza che il titolo di capoluogo della comunità autonoma dei Paesi Baschi non è detenuto da una delle sue due città più famose, Bilbao e San Sebastián, bensì (insieme a quello di capoluogo della provincia di Alava) dall'elegante ed esemplare città di Vitoria-Gasteiz.

vitoria-gasteiz cosa fare e vedere
portici di plaza nueva
vitoria-gasteiz cosa fare e vedere
plaza de la virgen blanca
Le sue radici risalgono alla fine del XII secolo, quando accanto a un villaggio di fondazione visigota venne eretto un centro destinato a diventare ben presto un'importate snodo commerciale. Da allora la città è cresciuta in maniera costante ed equilibrata, prendendo via via sempre più importanza e dotandosi di un notevole patrimonio architettonico e culturale che, unito ad un'atmosfera rilassata ed accogliente e a buone strutture turistiche e civiche, ne fa una destinazione di grande interesse e piacevolezza ancora decisamente sottovalutata dalla maggioranza dei viaggiatori.