lunedì 19 aprile 2021

La Via Francigena del Sud da Nemi a Castel Gandolfo

Il Parco Regionale dei Castelli Romani è un vero paradiso per gli amanti della natura e delle passeggiate nei boschi, a piedi o in mountain bike, potendo contare su una rete di itinerari di oltre 150 km che spesso coniuga l'aspetto naturalistico con siti storici e culturali di notevole interesse.

via francigena da nemi a castel gandolfo
nemi
via francigena da nemi a castel gandolfo
il lago di nemi dal borgo
Uno dei percorsi più spettacolari in assoluto corre lungo il tragitto della Via Francigena del Sud per circa 9,5 km, che si snodano quasi completamente nel bosco e su sterrato, collegando i due borghi più celebrati della zona: Nemi e Castel Gandolfo. In realtà, la tappa vera e propria del pellegrinaggio partirebbe da Velletri, raddoppiando abbondantemente la distanza e i tempi di percorrenza senza tuttavia aggiungere granché all'enorme fascino di questa seconda parte (oltre la metà dei chilometri in più sono su strada e anche la parte nel bosco, benché molto piacevole, non regge il confronto) che, tra splendide vedute panoramiche di entrambi i laghi e numerosi punti di interesse situati direttamente sul cammino o raggiungibili con deviazioni di pochi minuti, rappresenta un'attrazione davvero da non perdere. Oltre a ciò, la ridotta lunghezza e il sentiero largo, ben segnalato e in buone condizioni, rendono questa passeggiata ampiamente fruibile a tutti.

venerdì 2 aprile 2021

Le mie impressioni sulla Guida Polaris dello Sri Lanka

Nella mia testa, la casa editrice Polaris rimarrà sempre associata a una delle cose che sono più orgoglioso di avere fatto, ovvero partecipare insieme ad altri 192 travelblogger alla scrittura e alla realizzazione della guida "Destinazione Italia", dove vengono descritte 300 meravigliose destinazioni sparse in tutte le 20 regioni dello stivale ma dalla fama meno imperitura rispetto ad altre.

guida polaris sri lanka
La versione in pdf di questa è stata data in omaggio a tutti coloro che partecipavano a una raccolta fondi per aiutare Emergercy nella lotta alla pandemia da covid-19 nel nostro paese, ma successivamente la Polaris ne ha acquistato i diritti (con la parte dovuta agli autori che è andata a rimpinguare la suddetta raccolta) per dare vita alla splendida versione cartacea che ora campeggia nella mia libreria e che stringo tra le mani sempre con malcelata emozione. Per tutto ciò, non ho potuto che provare interesse quando la casa editrice mi ha proposto di scegliere un altro dei loro prodotti e parlarne qui sul blog e nei miei canali social.

lunedì 22 marzo 2021

Filettino e Campo Staffi

Il paese di Filettino, situato in provincia di Frosinone proprio vicino al confine con l'Abruzzo, grazie ai suoi 1075 metri di quota si fregia del titolo di comune più alto del Lazio.

filettino campo  staffi cosa fare e vedere
filettino
filettino campo  staffi cosa fare e vedere
centro storico
Grazie alla sua spettacolare posizione in mezzo agli Appennini, tra i monti Simbruini, Cantari ed Ernici nei pressi della linea dello spartiacque, la località costituisce una piacevole destinazione turistica ancora piuttosto apprezzata, anche se i fasti delle ultime decadi del XX secolo sono ormai passati. L'aria fresca e pulita, le belle ambientazioni montane, le verdissime foreste appenniniche percorse dai sentieri del parco regionale e la possibilità di sciare, sia su piste da discesa che su un anello di fondo, nella località di Campo Staffi, attirano infatti diversi turisti, principalmente dalla capitale e dall'area dei Castelli Romani, ma anche da varie altre zone del Lazio meridionale.

lunedì 8 marzo 2021

Sette chiese di Roma molto particolari

Le tantissime chiese di Roma formano un unico, incredibile e variegato museo gratuito in grado di soddisfare tutti i gusti e sono anche ricche di spunti curiosi per chi non si voglia fermare al classico, seppur bello, pittoresco e interessante, tempio medievale o rinascimentale barocco. Dopo aver parlato quindi di 7 chiese poco conosciute ma bellissime, è il turno di 7 chiese della capitale con qualcosa di molto particolare.

giovedì 18 febbraio 2021

Rocca di Papa

Tra le varie cittadine amene dei Castelli Romani, Rocca di Papa ha alcune caratteristiche peculiari poiché è l'unica a sorgere sulle pendici della cinta interna del vulcano (mentre tutte le altre si trovano sulla cinta esterna); trovandosi inoltre a oltre 700 metri di quota è il secondo centro urbano più alto della zona dei Colli Albani (dietro solo a Rocca Priora), con un'ambientazione e un'atmosfera che ricordano più le località di montagna che quelle collinari.

rocca di papa cosa fare e vedere
rocca di papa da castel gandolfo
rocca di papa cosa fare e vedere
rocca di papa dal tuscolo
In tutto ciò, Rocca di Papa si trova solo a 30 km scarsi dal centro di Roma e si raggiunge facilmente in macchina prendendo l'Appia e la Via Dei Laghi all'altezza dell'aeroporto di Ciampino, oppure la direttrice Anagnina-Tuscolana, salendo l'ultimo tratto da Grottaferrata (percorso che compiono anche gli autobus pubblici che partono dalla stazione dei bus dell'Anagnina, al capolinea della linea A della metro). Il suo territorio comunale comprende infine le vette più alte del complesso montuoso, ovvero il Maschio delle Faete e Monte Cavo, spaziando fino alla sponda orientale del lago Albano, sul quale si affaccia l'abitato (bellissime le vedute del borgo arroccato sulle pendici del vulcano dalla sponda opposta del lago, per esempio da Castel Gandolfo).

lunedì 1 febbraio 2021

Wroclaw (Breslavia)

Wroclaw (Breslavia in italiano) è la quarta città della Polonia per grandezza, storica capitale della regione della Slesia e importantissimo polo culturale, sociale ed economico della parte occidentale del paese, ma anche destinazione turistica interessantissima, piacevole e ricca di spunti.

wroclaw breslavia cosa fare e vedere
rynek
wroclaw breslavia cosa fare e vedere
museo civico
Il fiume Odra, uno dei maggiori dell'Europa centro-settentrionale, l'attraversa donandole anche una particolarissima conformazione urbana in quanto, allargandosi, forma un numeroso gruppo di isole di varia grandezza sulle quali sorge una buona metà dell'abitato, tra cui il nucleo originale della città, anche se lo Stare Miasto, ovvero il centro storico, si trova invece sulla sponda meridionale del fiume, come pure la stazione centrale dei treni. L'aeroporto internazionale, servito anche da diverse low-cost, sorge una dozzina di chilometri circa a ovest del centro, ben collegato da linee di bus pubblici, mentre un'ottima rete di tram e di bus permette di spostarsi facilmente per tutta l'area metropolitana, tuttavia la parte storica si gira molto piacevolmente anche a piedi.

mercoledì 20 gennaio 2021

Torun

Torun è una delle città più antiche della Polonia e nel medioevo ha rivestito un ruolo di primaria importanza per la cultura e l'economia del paese, essendo uno dei membri più eminenti della Lega Anseatica.

torun cosa fare e vedere
torun dal ponte
torun cosa fare e vedere
la vistola
Il suo centro storico è scampato completamente alle devastazioni delle guerre mondiali e mantiene perfettamente intatti la sua struttura urbana originale e un numeroso insieme di architetture gotiche, fatto per la quale rappresenta una delle maggiori attrazioni turistiche della nazione ed è anche stato inserito fin dal 1997 nella lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO. In più, Torun è anche il luogo di nascita del grande astronomo Niccolò Copernico, del quale nel centro urbano si trovano molti riferimenti e a cui è dedicata l'importante università cittadina.

martedì 12 gennaio 2021

Poznan

Poznan è la quinta città della Polonia, di cui ha rivestito per prima il ruolo di capitale tra il X e l'XI secolo mantenendo comunque fino al giorno d'oggi un'importanza primaria dal punto di vista culturale ed economico, oltre che una rispettabile rilevanza turistica.

poznan cosa fare e vedere
stary rynek
poznan cosa fare e vedere
stary rynek
Quest'ultimo aspetto è poi particolarmente favorito dalla presenza dell'aeroporto internazionale, che dista soli 8 km dal centro urbano ed è servito dalle più popolari tra le compagnie low cost europee. Un comodo ed economico collegamento tra aeroporto e città vecchia è rappresentato da tre linee (una notturna) di autobus pubblici, che in circa 20 minuti portano fino alla moderna stazione ferroviaria, situata al margine sud-occidentale del centro storico e integrata anche da un grande centro commerciale e dalla stazione degli autobus; se non avete solo il bagaglio a mano, un trasporto privato è invece una conveniente alternativa. Diverse linee di tram consentono poi di spostarsi molto facilmente tra le varie zone di interesse, per le maggior parte dei casi visitabili anche a piedi ma non proprio tutte vicinissime tra loro. 

martedì 22 dicembre 2020

I Pratoni del Vivaro

Col nome di Pratoni del Vivaro viene indicata un'ampia vallata, lunga una decina di chilometri circa, facente parte del Parco Regionale dei Castelli Romani e situata all'interno dei territori comunali di Rocca di Papa, Velletri e Rocca Priora, nella zona sud-orientale del massiccio montuoso dei Colli Albani, chiusa tra la cinta interna e quella esterna di quello che anticamente era il grande Vulcano Laziale.

pratoni del vivaro cosa fare e vedere
doganella e monte artemisio
pratoni del vivaro cosa fare e vedere
via dei pratoni e artemisio
I quasi 600 metri di quota cui si trova quest'area e la sua particolare posizione, delimitata a nord dal Maschio delle Faete (che con i suoi 956 metri è la cima più alta dei Colli Albani) e a sud dal monte Artemisio (con la più alta delle su tre cime, il Peschio, che arriva a 939 m), sono la causa del suo clima piuttosto umido e dalle temperature sensibilmente più basse che nel resto dei Castelli Romani, sfavorendone storicamente l'insediamento umano (anche al giorno d'oggi c'è solo una piccola frazione di poche centinaia d'abitanti nella parte settentrionale dell'altopiano) e preservandone così gli aspetti di tipo più naturalistico.

giovedì 26 novembre 2020

Copenaghen

Verde, pulita, elegante, impeccabile: la capitale della Danimarca ha il fascino da prima della classe e un'atmosfera rilassata e accogliente, ma può anche contare su un patrimonio culturale rilevante e molto eterogeneo, in grado di soddisfare anche le aspettative più esigenti.

copenaghen cosa fare e cosa vedere
nyhavn
copenaghen cosa fare e cosa vedere
canale di slotsholmen
Per tutti questi motivi, Copenaghen rappresenta una destinazione molto gettonata e apprezzata, in grado di costituire da sola un'intera vacanza. L'aeroporto internazionale di Kastrup è il più importante in un raggio di diverse centinaia di chilometri e si trova soli 8 km a sud del centro cittadino, servendo egregiamente non solo la capitale  e le isole danesi, ma anche la città di Malmö (collegata grazie al famoso ponte di Øresund e il cui aeroporto, Sturup, si trova in realtà più o meno alla stessa distanza dall'area urbana) e la costa svedese. Tra le varie opzioni per arrivare in centro, la migliore è sicuramente la metro, le cui corse sono frequenti e in meno di 20 minuti consentono di raggiungere la piazza del Municipio con una spesa contenuta.

mercoledì 11 novembre 2020

Guimarães

Guimarães si fregia del titolo di culla del Portogallo, giacché è proprio qui che nacque Alfonso I, ovvero colui che sconfisse gli arabi cacciandoli dal paese nella prima metà del XII secolo e fondò poi il regno su cui ancora oggi si basa la nazione lusitana e di cui la città ricoprì per prima il ruolo di capitale.

guimaraes cosa fare e vedere
fortificazioni medievali
guimaraes cosa fare e vedere
vila flor
Con un passato così nobile e importante, che trae in realtà origine dagli insediamenti celtici dell'alto medioevo, si può ben capire come l'abitato odierno ospiti un patrimonio storico e culturale di buon livello, tanto che il centro storico è riconosciuto come patrimonio UNESCO fin dal 2001, andando a rappresentare un'escursione giornaliera molto gettonata per i turisti che fanno base a Porto. Le due città sono infatti ben collegate da una linea di treni regionali con parecchie corse giornaliere (piuttosto economiche, tra l'altro), anche se i convogli viaggiano abbastanza lentamente e fanno molte fermate, dilatando il tempo di viaggio oltre l'ora nonostante la distanza percorsa sia poco più di 50 km.

lunedì 2 novembre 2020

Braga

Braga è la terza città del Portogallo e un'importantissimo polo economico e culturale del nord del paese, grazie alla presenza della moderna Universidade do Minho (vecchio nome della provincia che comprendeva le zona settentrionali della nazione) e a una storia lunga più di duemila anni che l'ha vista ricoprire il ruolo di capitale di diverse entità tra province romane, regni e possedimenti ecclesiastici.

braga cosa fare e cosa vedere
universidade do minho
braga cosa fare e cosa vedere
mura del museo do biscainhos
Come principale sede arcivescovile per vari secoli di tutta la regione nord-occidentale della penisola iberica inoltre, la città è sempre stata considerata (e lo è ancora)  il fulcro religioso e spirituale del Portogallo, ma negli ultimi anni ha saputo ritagliarsi un ruolo non trascurabile anche nella cultura di stampo più moderno. Una linea di treni regionali (che fanno molte fermate e sono quindi un po' lenti) la collega direttamente alla stazione São Bento di Porto, con corse che partono a scansione oraria e coprono i circa 55 km che separano le due città in un'ora circa, per cui Braga risulta comodamente visitabile anche con un'escursione giornaliera. Il terminal di arrivo si trova poi abbastanza vicino all'ingresso occidentale del centro storico, le cui dimensioni non esorbitanti permettono una gradevole visita completamente a piedi.